Quarto derby della stagione, ancora Roma e Lazio l’una di fronte l’altra. Dopo il primo derby di campionato vinto dalla Roma grazie al solito “arbitraggio amichevole” e il passaggio in semifinale di coppa Italia da parte della Lazio oggi l’arbitro Orsato ha messo il massimo dell’impegno affinchè ai giallorossi venisse concesso la vittoria come un “contentino” per l’uscita dalla Tim Cup.

Qualche minuto di rodaggio e al 12′ Keita infila il portiere giallorosso. La partita prosegue con qualche rischio per Strakosha ma la Lazio ha sempre dato l’impressione che avesse ben salda in mano la partita.

Questo lo ha capito bene anche Orsato che al 45′ immagina un fallo biancoceleste in area e concede l’ennesimo calcio di rigore della stagione  alla riomma. Dal dischetto De Rossi pareggia momentaneamente il punteggio e si va al riposo sul punteggio di 1 – 1.

Inizia il secondo tempo e a differenza del primo questa volta sono sufficienti solo 5 minuti e il serbo Dusan Basta con un tiro potentissimo riporta in vantaggio la Lazio, 1-2 per la Prima Squadra della Capitale.

Roma frastornata che tenta di riprendere la Lazio ma oggi la squadra Biancoceleste sembra inarrestabile grazie anche ai tifosi che nonostante in numero inferiore a quelli romanisti non fanno mancare il loro sostegno anzi all’Olimpico si sente quasi sempre l’immensa Curva Nord.

La partita finisce praticamente con 10 minuti di anticipo perchè all’80’ Keita chiude la partita con una doppietta personale e il terzo gol Laziale.

Da segnalare un rigore NON fischiato su Lukaku (Orsato questa volta non ha avuto l’immaginazione giusta) ma per la lazio questo non fa più neanche notizia, siamo costretti, come al solito,  che per vincere dobbiamo superare anche le “sfortunate designazioni arbitrali” .