Durante la permanenza alla Lazio Keita ha sempre manifestato grandi ambizioni, forse i meno attenti non le hanno percepite ma quando, per esempio, ogni volta un giornalista gli chiedeva notizie sul suo futuro il giocatore rispondeva sempre con grande conformismo “adesso penso a far bene con la Lazio” che è una forma gentile del più classico dei “no comment” per non rilevare le intenzioni di voler andar via.

LA SITUAZIONE CONTRATTUALE
Keita ha il contratto in scadenza con la Lazio il prossimo anno ovvero il 30 giugno 2018 ma potrebbe svincolarsi dall’attuale società usufruendo dell’art. 17 della FIFA(*) oppure non rinnovare il contratto fino alla naturale scadenza e andar via a parametro zero il prossimo anno.

PERCHE’ KEITA VUOLE ANDARE ALLA JUVE E RIFIUTA IL MILAN
Il Milan con la nuova proprietà cinese vuole tornare prima possibile agli antichi splendori Berlusconiani e nell’attuale calcio mercato sta spendendo molto per tentare la riuscita. I rossoneri avrebbero già l’accordo con la Lazio per Biglia e vorrebbero anche Keita mettendo sulla bilancia una cifra che oscilla tra i 52 e 60 milioni di euro (bonus inclusi) a dimostrazione che la società sta facendo sul serie.

Indiscrezioni sull’eventuale entità del contratto di Keita non ci sono ma tra Milan e Juventus probabilmente non ci sarebbero sostanziali differenze anzi visto  la grande volontà della società milanese di creare da subito una squadra forte è ragionevole pensare che quest’ultima potrebbe fare l’offerta più grande.

Allora perchè l’attaccante senegalese avrebbe scelto la Juventus e continua a rifiutare il Milan ? Per fare un dispetto a Lotito ? No, al limite potrebbe essere una picevole (per Keita) conseguenza nata dall’occasione ma non è certamente il suo obbiettivo.

Keita nonostante penso abbia un attaccamento alla Lazio (opinione da deduzioni personali), come detto in apertura, è uno molto ambizioso e anche molto sveglio. Stranamento non mi è capitato ancora di leggerlo altrove,  ma l’obbiettivo principale è quello di partecipare alla Champions League e per questo sarebbe disposto anche a rimanere un’altro anno alla Lazio nonostante la minaccia della società biancoceleste di fargli giocare il prossimo campionato “in tribuna” .

Avendo deciso di andare alla Juventus Keita non farà ricorso all’art. 17 della FIFA perchè questo gli impedirebbe di giocare il prossimo campionato in Italia e sarebbe obbligato ad andare all’estero.

Come sempre rimaniamo in attesa di un rapida soluzione con conseguente sblocco del calciomercato in entrata. La Finale di Supercoppa Italiana è tra 2 mesi, poi c’è il campionato di Serie A e l’Europe League.

 


(*) Sintesi dell’art.17 della FIFA
Il calciatore che vuole disdire unilateralmente il contratto secondo l’art. 17 della FIFA principalmente tre obblighi: comunicazione alla società della propria intenzione di recesso entro quindici giorni dall’ultimo incontro giocato con la maglia del club, divieto di trasferimento in una squadra dello stesso campionato nei dodici mesi successivi, pagamento di un indennizzo alla vecchia società di appartenenza.