Keita ? In questo momento preoccupa più la permanenza di Djordjevic e Kishna

La vicenda Keita sinceramente non mi appassiona più di tanto, è un tipo di film che a Formello viene periodicamente proiettato (Zarate, Pandev, Matuzalém ecc.) e mi fa lo stesso effetto della Corazzata Kotiomkin nel film del secondo tragico Fantozzi.
La scorsa estate Lotito e Keita si erano accordati per un rinnovo contrattuale entro dicembre 2016 ad una cifra di circa 1,5 milioni di euro (notizie da stampa).
Tale accordo poi non è stato più messo su un legale contratto e dal momento che questo non è stato più rinnovato, a prescindere da colpe, incapacità e volontà delle parti interessate, l’attaccante senegalese è un calciatore con il destino professionale nelle proprie mani.
Libero di poter decidere a fine contratto cosa meglio fare per lui. Adesso tutte queste vicende varie e contrasti tra Keita e la Lazio sono frutto di ovvie tutele degli interessi delle due parti.
Considerato il buon avvio della Lazio nonostante l’assenza di Anderson e quella dello stesso Keita consiglierei all’attaccante Senegalese di rimanere alla corte di Simone Inzaghi. Ne gioverebbero tutti, il calciatore stesso, allenatore, squadra e società.
Come già detto però il futuro professionale è nelle sue mani, a lui spetta la decisione finale mentre a noi tifosi, in attesa della conclusione della vicenda, rimane la preoccupazione di come eventualmente sostituire l’attaccante senegalese.
C’è il fondato rischio che Djordjevic e Kishna possano rimanere alla Lazio rischiando di precludere l’acquisto di un’altro attaccante.
Durante il periodo di calcio mercato la stampa gli hanno attribuito alcuni interessi da parte di qualche squadra ma sinceramente mi sono sembrate le classiche notizie per mantenere un minimo di attenzione su calciatori di cui difficilmente qualcuno possa nutrire un vero interesse.
La cessione è altresì resa difficile dagli ingaggi non proprio proporzionati in relazione a quello che i 2 calciatori hanno sin qui fatto vedere.
Comunque le vie del calciomercato sono infinite e fino all’ultimo si può sperare (personalmente senza particolari pretese visto tutti gli attori e le conseguenti relative difficoltà).
L’arrivo di Caicedo, in attacco, per quel poco che si è visto fino adesso, fa tutt’altro che tranquillizzare.  Dare un giudizio adesso rischia di essere affrettato ma sicuramente non ha lo stesso peso tecnico di Keita pertanto serve assolutamente un’altro attaccante “pronto subito” sul quale Inzaghi possa fare affidamento.
In occasione della vittoria di ieri contro il Chievo Verona, l’allenatore biancoceleste ha dichiarato in una intervista post-partita che l’attaccante ecuadoriano ha avuto un impatto positivo con la partita.
Essendo un’intenditore di calcio dobbiamo fidarci delle sue parole ma è ormai nota le sue richieste alla Lazio di un’altro attaccante in sostituzione di una eventuale partenza di Keita e un difensore per rimpiazzare la cessione di Hoedt.
Il calcio-mercato termina alle ore 22:59 del 31 agosto, non è molto ma rimane ancora un tempo sufficiente per rinforzare la squadra.

Rispondi