Oggi a Milano si riuniscono i presidenti delle squadre di SERIE A.

Come riportato anche da calcioefinanza.it si tenterà di trovare un nuovo presidente,  un amministratore delegato e di un board per la Lega Calcio.

La riunione avrà anche l’importante compito di approvare la regolamentazione delle linee guida del nuovo bando per la vendita dei diritti televisivi relativi al periodo 2018-2021 che con ogni probabilità si terrà nella seonda metà di gennaio (Milano Finanza).

I prodotti vendibili dovrebbero essere 4 o 5: digitale terrestre, satellite, over the top (servizi in internet) e due pacchetti misti. L’obbiettivo delle vendite è quello di superare il miliardo di euro.

I competitors che parteciperanno al bando per l’acquisizione dei diritti sul calcio saranno Mediaset Premium e Sky mentre la Rai sembrerebbe tagliata fuori ma dopo aver perso i mondiali di calcio potrebbe tentare qualche colpo di coda.

La novità, che potrebbe portare non pochi vantaggi economici alla vendita sarà la possibile partecipazione all’asta di Amazon oltre a Telecom.

 

Assemblea diritti tv, tra intermediari finanziari e il canale di Lega

Ma le possibili novità non finirebbero con l’eventuale partecipazione di Amazon poichè potrebbe esserci anche la possibilità di accettare offerte da intermediari finanziari, che dovrebbero poi rivendere le immagini ai broadcaster.

Per tutte queste ragioni rimane in vita l’ultima strada percorribile, quella di un canale interno alla stessa Lega con Discovery come partner tecnologico e il coinvolgimento dell’International Bank of Qatar, pronta a garantire 1,3 miliardi annui per un decennio.

Da tutto questo giro enorme di denaro ci si augura che a fronte di sforzi economici enormi il prodotto calcio venga poi confezionato da giornalisti veri e professionalmente preparati, quelli visti finora sono solo tifosi faziosi prestati al giornalismo.