Chi pensava che la morale e l’indignazione avessero gli stessi valori è completamente fuori strada, almeno per la grandissima parte della stampa italiana.

Il 22 ottobre scorso dei tifosi laziali attaccarono in curva allo stadio Olimpico degli adesivi di Anna Frank raffigurata con la maglia della Roma e tutta la stampa italiana con in testa quella romana, si precipitò a fare i sermoni più profondi sulla ESECRABILE moralità di quel gesto. I maggiori rappresentanti della stampa e dei media fecero a gara per salire sul pulpito più alto e gridare le loro sentenze di condanne più feroci. Premetto che quest’ultimo fu un episodio deplorevole ed inopportuno e assolutamente non condivisibile ma che questo stesso atto era stato fatto in passato dagli stessi tifosi romanisti e Anna Frank nell’occasione veniva raffigurata con la maglia della Lazio. Nei muri della città di Roma sono apparse anche scritte con caratteri cubitali tipo ” Anna Frank è Laziale” ma a nessun giornalista o comunicatore è scattata quell’indignazione che invece è esplosa quando di mezzo ci sono i tifosi laziali.  Nessun tifoso romanista è stato punito mentre a quelli laziali è stata comminata la pena del DASPO.

La stessa indignazione è stata ben nascosta anche quando allo stadio in curva sud i romanisti hanno esposto lo striscione con scritto “10 100 1000 Paparelli”.

Martedì scorso, in occasione del match di Champions League Liverpool vs Roma una ventina di tifosi romanisti hanno attaccato e provocato ferite ad un tifoso del Liverpool che al momento in cui scrivo questo articolo lotta tra la vita e la morte.

Intanto ho scritto volutamente “tifosi romanisti” e non Ultras perché quest’ultimi hanno un codice d’ingaggio chiaro e preciso, cercare lo scontro ma solo con chi lo vuole e MAI in eccessiva disparità numerica, quest’ultimo è un’altro tipo di codice, anche questo chiaro e preciso “di vigliacchi”.

Ritornando agli incidenti di martedì e al grave ferimento del tifoso del Liverpool Sean Cox in coma con danni cerebrali, cosa pensate abbia fatto la stampa italiana ? Nulla se non riportare la notizia con toni molto bassi e spesso con un rilievo quasi insignificante mentre per i famosi 4 adesivi attaccati dai tifosi laziali ci aprirono addirittura i giornali e telegiornali.

Ma noi laziali questi personaggi li conosciamo bene e li abbiamo già identificati da tempo con uno striscione significativo ed eloquente che fotografa bene la stampa italiana.

QUANTO VALE UN UOMO? VALE QUANTO LA SUA PAROLA… GIORNALISTI UOMINI DI MERDA ! 

 

QUANTO VALE UN UOMO 0001