Lotito lo aveva detto da subito, “Milinkovic non è in vendita ma se arriva un’offerta irrinunciabile e il giocatore dovesse accettare, la Lazio se ne potrebbe privare”. L’offerta irrinunciabile per il presidente biancoceleste era ed è di 120 milioni di euro cash.

Offerte, secondo quanto riportate dalle varie testate giornalistiche, ne sono arrivate ma molto distanti da quella “irrinunciabile”. Tutte infatti erano integrate da giocatori che invece di impreziosire l’offerta sembravano un modo per il compratore, di liberarsi di certi calciatori fuori dal progetto o comunque considerati un peso.

Lotito è molto criticato da un parte dell’ambiente laziale e anche il sottoscritto non gli risparmia critiche con l’intento di essere costruttivo per il bene della Lazio.

In questa occasione invece posso dire bravo Lotito. Non aver ceduto Milinkovic ha raggiunto 2 importanti obiettivi, il primo è quello di non aver indebolito la squadra il secondo e neanche meno importante ha fatto capire a squadre come Milan e Juventus che alla Lazio si entra chiedendo permesso e il valore dei propri calciatori lo stabilisce la S.S. LAZIO e non certo chi vuole comprare o le fantasie che molti scrivono sui giornali.

La più clamorosa è stata la notizia di un’accordo quasi raggiunto, tra Milan e Lazio per la cessione del serbo, riportata con tanto di cifre, da uno dei quotidiani più importanti e conosciuti in Italia e all’estero come il sole24ore mentre invece sembra che non ci sia stata nessuna trattativa così sensibile come paventava.

E’ chiaro che la telenovela Milinkovic non finirà oggi 17 agosto 2018 ma continuerà  in virtù del fatto che la sessione estiva del calcio mercato in Francia e Spagna è posticipato al 31 agosto alle ore 23:59 e altrettanto chiaro che manovre di disturbo non mancheranno ma come ha detto Inzaghi oggi pomeriggio in conferenza stampa Milinkovic è della Lazio e dovrà confermarsi.

Nel calcio mercato si poteva e si doveva fare di più. Le altre squadre, quelle deputate a raggiungere la qualificazione Champions League, si sono rinforzate tutte ma la Lazio c’è e la concentrazione è e deve essere tutta sul Napoli e… “bANTI VAR”