AL 2° PIT-STOP BUONA LAZIO E ANCORA DEVE METTERE LE “GOMME MIGLIORE” E SPINGERE IL MOTORE AL MASSIMO

Al primo pit-stop del campionato, quello del 2 settembre scorso, avvenuto per gli impegni della nazionale di calcio, il bilancio era nettamente negativo. Anche se brevissimo d’impegni infatti furono giocate sole 3 partite; il risultato fu di 2 sconfitte con Juve e Napoli e 1 vittoria casalinga con il Frosinone.  Era Troppo poco per capire la nuova Lazio.

Il 7 ottobre, sempre per impegni della nazionale, c’è stato il secondo pit-stop per la macchina laziale. Il bilancio in questa occasione è nettamente migliore. In SERIE A ha disputato 8 partite, ne ha vinte 5 e perse 3. In Classifica è 4a a 15 punti e davanti ha l’Inter a 16, il Napoli a 18 e la Juventus a punteggio pieno con 24 punti mentre la asroma è a -1 e il Milan a -3.

Non male, soprattutto considerando che Napoli e Roma alla vigilia della partenza del campionato  venivano pronosticate, insieme ai bianconeri, come quelle che avrebbero fatto un campionato a parte per le loro presunte grandi potenzialità e Inter e Milan come le sicure neo-infiltrate nei vertici della classifica. La Lazio nelle previsione era inesistente anzi sembrava neanche partecipare alla competizione.

Al termine del campionato mancano ancora tante partite, 30 per la precisione, quindi aperto ancora a qualsiasi ipotesi e scenari diversi, intanto però i biancocelesti sono in zona “obiettivo finale” ovvero la qualificazione per la Champions League e raggiunto con il motore al minimo a causa di alcuni problemi di rodaggio e di alcuni componenti non perfettamente oliati.

In Europa League ha giocato solo 2 partite con il bilancio di una vittoria e una sconfitta e ancora in corsa per la qualificazione del Girone H.

Da qui alla fine della corsa (campionato ed Europa League) la macchina laziale deve ancora sfruttare le 4 gomme migliori che gli permetteranno di spingere fino in fondo le potenzialità del motore biancoceleste.

Queste sono Milinkovic e Luis Alberto, fino ad oggi ancora non pervenuti o quasi ma appena ritroveranno la forma migliore faranno sfrecciare la macchina laziale e i 2 nuovi acquisti Berisha e Tucu Correa che nei minuti fin qui giocati fanno ben sperare in prestazioni superiori a tutto vantaggio della squadra.

Unica nota negativa la difesa, soprattutto con Wallace, che forse dovrebbe essere messo a riposo fintanto che non decide, almeno, a trovare continuità nella concentrazione.

Ci auguriamo tutti che il pilota Inzaghi come dimostrato anche nella scorsa stagione, possa sfruttare al meglio tutte le capacità del veicolo con il simbolo dell’aquila, per arrivare in dirittura d’arrivo nei tempi previsti, mancati nell’ultimo campionato più “per meriti della VAR” che demeriti suoi.

 

STAGIONE 2018 2019 8 GIORNATE SERIE A 2 DI EUROPA LEAGUE LAZIOLAND1900.BLO 0001.png

 

 

SERIE A CLASSIFICA 8A GIORNATA

 

PARMA - LAZIO

 

girone h lazio 0001

 

CLASSIFICA EUROPA LEAGUE GIRONE H

 

 

 

 

Rispondi